Home Page / Agenda / Vegetation as a political agent

Vegetation as a political agent

mostra
Vegetation as a political agent
dal 30/05/2014 al 01/01/2015
PAV - Parco Arte Vivente

La collettiva Vegetation as a political agent, a cura di Marco Scotini, intende evidenziare quelle tappe storiche in cui lʼelemento vegetale ha rappresentato un segno di emancipazione sociale.

Articolata sul doppio registro di storia e attualità, l’esposizione presenta gli interventi artistici e architettonici di tredici artisti internazionali, ma anche documenti di figure pionieristiche delle prime rivoluzioni ecologiche e apparati scientifici provenienti dal mondo botanico.

Tavole di erbari tratti dai volumi di Carlo Ludovico Allioni (direttore dellʼOrto Botanico del Castello del Valentino nella seconda metà del Settecento e in stretto contatto con Linneo per la definizione dei sistemi di classificazione), immagini, manifesti ed estratti di testi testimoniano intrecci e collegamenti tra la società e il mondo vegetale.

I rapporti tra agricoltura e movimenti popolari, ad esempio, vengono indagati nei documenti relativi alla figura di Amilcar Cabral, agronomo e politico guineense che portò la Guinea-Bissau e le isole di Capo Verde allʼindipendenza dal Portogallo.

L’attivismo ecologico è raccontato, invece, attraverso la figura di Mel King nel progetto di Nomeda e Gediminas Urbonas, mentre il rivoluzionario modello di riciclaggio dei rifiuti proposto dal pioniere George Chan è al centro della ricerca di Fernando García-Dory. Non ultimo, sono presentate forme di espressione e immaginari collettivi sui temi della rivoluzione verde (in questa sezione si trovano alcune opere di Piero Gilardi).

Infine, nella corte del PAV, prendono forma le due installazioni ambientali create per lʼesposizione dai gruppi RozO (Philippe Zourgane & Séverine Roussel) e Critical Art Ensemble.

In esposizione le opere di:
Ayreen Anastas & Rene Gabri, Imre Bukta, Amilcar Cabral, Emory Douglas, Critical Art Ensemble, Fernando García-Dory, Piero Gilardi, Daniel Halter, Adelita Husni-Bey, Bonnie Ora Sherk, Claire Pentecost, Marjetica Potrč, RozO (Philippe Zourgane & Séverine Roussel), Nomeda e Gediminas Urbonas

La mostra inaugura il 30 maggio, alle ore 18.30, termina il 2 novembre.

PAV - Parco Arte Vivente
via Giordano Bruno 31, Torino