Home Page / Agenda / Sculture di Ugo Venturini

Sculture di Ugo Venturini

mostra
Sculture di Ugo Venturini
dal 17/03/2017 al 10/04/2017
MAU - Museo d'Arte Urbana

In questa personale l'autore presenta una serie di lavori inediti che vanno in direzione di un annullamento, di un "nulla" che non significa, però, assenza da interpretarsi nella dimensione del vuoto e dell'azzeramento ma, al contrario, in una ambizione vitalistica di espressione di pura energia. Citando parole dell'artista : "Il mio nulla non è assenza o dimenticanza bensì l'esatto contrario quindi presenza e appartenenza....il mio nulla è lì dove l'energia trattiene e collabora con la materia per renderla tale". Un'azione, quindi, che penetra nei gangli della materia per donarle vita con il tramite della consapevolezza interiore che si tramuta nell'atto creativo.

I quattro lavori inediti che, insieme ad altri, costituiscono il corpo di questa personale sono Nothing is real (Energia del carattere), un ibrido mutante tra un uomo dotato di folta chioma di dread ed i tratti zoomorfi di un cavallo, Absolutely nothing's changed (Energia del concepimento o della nascita),dove l'artista evidenzia le dissimmetrie tipiche dei nascituri nei primi giorni dopo il parto, Nothing here (Energia della mente) in cui Venturini raffigura un'icona della sua generazione, quel Zanardi, creatura grafica del grande Andrea Pazienza, simbolo di una gioventù in bilico tra la rivolta del'77, intrisa di creatività ma anche di angoscia per il futuro, e il disimpegno individualista del decennio successivo. Zanardi viene proposto privo della parte superiore della calotta cranica, mentre una scritta luminosa appesa al soffitto recita "Nothing here". Ultimo lavoro My fair lady (Energia del trapasso o della morte, dove un corpo femminile viene rappresentato seduto con una postura classica, simile a quella di una pin up intenta ad esibire la sua femminilità in una spiaggia, visione contraddetta con veemenza nella sua dimensione idilliaca dalla presenza di un teschio al posto della testa.

Estratto da un testo di Edorardo Di Mauro, febbraio 2017

MAU - Museo d'Arte Urbana
via Rocciamelone 7/c, Torino