Home Page / Agenda / La Macchina Estrattiva

La Macchina Estrattiva

mostra
La Macchina Estrattiva
Neo-colonialismi e risorse ambientali
dal 26/03/2017 al 04/06/2017
PAV - Parco Arte Vivente

Il 25 marzo ha inaugurato La Macchina Estrattiva, a cura di Marco Scotini. La nuova mostra del PAV prosegue l'indagine sul rapporto antagonista tra attivismo ambientale e politiche neoliberiste su scala globale. Facendo seguito a Vegetation as a political agent (PAV 2014) la mostra approfondisce il tema delle forme di colonialismo (sia storico che contemporaneo) con cui l’occidente continua ad incidere sui destini del mondo, delle culture e della natura, in maniera ormai irreversibile.

Le opere dei cinque artisti in mostra sono animate da uno spirito attivista e transdisciplinare impegnato nell'esplorazione dell'ambito ecologico, a partire da diverse prospettive d'osservazione di fenomeni come l'inquinamento, la desertificazione, il cambiamento climatico, la privatizzazione delle colture agricole o l'ineguale redistribuzione dei costi e dei vantaggi sottesi alle modificazioni ambientali oggi in atto.

La cartografia di attivismo indigeno, stato di diritto e resistenza ambientalista rintracciata da Ursula Biemann (in collaborazione con l'architetto brasiliano Paulo Tavares) nel progressivo processo di distruzione della Foresta Amazzonica; l’accusa alle politiche economiche all’origine del riscaldamento globale e del cambiamento climatico nelle indagini di Oliver Ressler e Piero Gilardi; così come il fenomeno della desertificazione e dei bacini oceanici al centro delle ricerche di Peter Fend o le manipolazioni genetiche e le culture intensive come estensione del progetto colonialista storico in Pedro Neves Marques, intendono proporsi come sostegno artistico, nella lotta contro le imprese multinazionali predatrici, ai nuovi difensori della terra.

PAV - Parco Arte Vivente
via Giordano Bruno 31, Torino