Le vincitrici del concorso Autofocus

20/10/2017

Le vincitrici del concorso Autofocus

Sono state annunciate le vincitrici della nona edizione del concorso di arte giovane Autofocus, promosso da Vanni occhiali e curato da Olga Gambari. Tre giovani donne provenienti da paesi ed esperienze diverse sono risultate vincitrici: il premio al miglior progetto espositivo è andato a Negar Sh con Silent Movement, Muge Yildiz ha vinto nella categoria miglior video mentre Camilla Soave e Beatriz Bizarro si sono aggiudicate il premio come miglior performer.

Una selezione che conferma il percorso di ricerca intrapreso da Autofocus nove anni fa: la scelta di puntare sull'arte emergente, quella non ancora sotto le luci dei riflettori, extra-focus, promosso da un'azienda che si occupa di visione, e quindi di ricerca dell'ottimale messa a fuoco, facendo dell'attenzione ai minimi particolari, formali e di progettazione, il proprio punto di forza. È in quest'ottica che le tre artiste sono lenti speciali, microscopi puntati su una dimensione poetica che racconta piccole grandi verità.

Il vernissage avrà luogo sabato 4 novembre, ore 18.30, mentre la perfomance è fissata per le 19.00. L'evento si terrà presso il Project-space di Vanni/Showroom Vanni di Piazza Carlo Emanuele II, 15/A (“piazza Carlina”). Sarà possibile ammirare le opere fino al 2 dicembre.

Per maggiori informazioni consultare il sito http://vanniocchiali.com/arte-giovane/.

\ NEWS



21/05/2019

Funghi: fabbriche al servizio dell’umanità

Funghi: fabbriche al servizio dell’umanità

In occasione del terzo incontro del ciclo di conferenze “Così piccoli, Così straordinari”, il Public Program delle OGR – Officine Grandi Riparazioni ospita le professoresse Mariangela Girlanda e Giovanna Cristina Varese, docenti di Botanica Sistematica presso l’Università di Torino. (...)




16/05/2019

Les Doigts En Fleur

Les Doigts En Fleur

“Les Doigts En Fleur”, primo solo show dell’artista Marina Cavadini, curata da Giovanna Repetto, è la prima mostra proposta da HotHouse e si sviluppa negli spazi dell’Orto Botanico di Torino. (...)