A Vercelli il reading “Diritti non dritti”

06/12/2018

A Vercelli il reading “Diritti non dritti”

Domenica 9 dicembre 2018 alle ore 16:30, in occasione della Giornata mondiale dei diritti umani (10 dicembre 2018), il Museo Borgogna di Vercelli presenta il reading “Diritti non dritti. Una storia di affermazioni e violazioni” a cura di Laura Berardi e Antonio Maria Porretti.

Nato per il Salone del Libro di Torino del 2017, il reading si snoda attraverso espressioni poetiche e narrative e documenti di storia civile, per restituire le opposte realtà che sempre riguardano i Diritti dell’uomo, ovvero l’affermazione e la violazione, o anche – fortunatamente – l’assenza e il successivo riconoscimento.

A Vercelli il reading viene ora intenzionalmente proposto a ridosso della Giornata Mondiale dei Diritti Umani proprio nella sede del Museo Borgogna, perché la vita, il pensiero, l’azione del suo fondatore, Antonio Borgogna, sono riferibili al tema in questione. L’avvocato Borgogna, infatti, non fu solo un indefesso collezionista amante del bello, ma ebbe una particolare attenzione anche per le tematiche sociali e per i diritti delle fasce meno abbienti non tutelate.

Gli autori del reading: «Questo reading vuole dunque essere dedicato alla memoria del benefattore, oltreché costituire per tutti noi un momento di riflessione comune e di condivisione di valori universali».

Maggiori informazioni nel sito del museo: www.museoborgogna.it.


\ COMING SOON

23/02/2019 - 09/03/2019 – Personale
Artgallery37

Mario Fior – Lisbona Perspectives

Mario Fior – Lisbona Perspectives

L’artista Mario Fior reduce da importanti eventi artistici nazionali ed internazionali, presenta, nelle sale di Artgallery37, una serie di 34 opere fotografiche fine art di vario formato, riguardanti Lisbona, la capitale del Portogallo. (...)


23/02/2019 - 10/03/2019 – Personale
Associazione culturale Quasi Quadro

Secco

Secco

Associazione culturale Quasi Quadro presenta Secco, mostra personale di Davies Zambotti, artista che attraverso i suoi lavori ricerca e analizza l’impossibilità della certezza umana, utilizzando il video e la fotografia come un microscopio, una lente con cui poter osservare le ombre fra gli interstizi del quotidiano. (...)