Sità Scoté: La città in ascolto

02/05/2018

Sità Scoté: La città in ascolto

Lunedì 14 maggio 2018, dalle ore 22, al Jazz Club Torino, verrà presentato Sità Scoté: la città in ascolto.

Il progetto che parla di Torino, e nasce dall’incontro di otto giovani cantautori e delle storie legate a quattro zone della città, da quella latina di Borgo San Paolo a quella africana in Borgo Vittoria, dalla città nella città costituita dalle Molinette nel quartiere di Nizza Millefonti alla Casa Circondariale “Lorusso Cotugno” alle Vallette.

Si alterneranno sul palco Eugenio Cesaro ed Emanuele Via degli Eugenio in Via di Gioia, Bianco, The Sweet Life Society, Lince, Zuzanna Koziej, Atlante, Fran e i Pensieri Molesti, Nicolò Piccinni, Pietro Giay, Letizia Vitali, Artbeat e Chelo.

Sità Scoté: la città in ascolto è un progetto innovativo che ha l’obiettivo di promuovere la musica di cantautori emergenti mirando a coinvolgere i giovani e a favorire il processo di inserimento nel tessuto sociale urbano cittadino attraverso la musica.

Un linguaggio semplice e universale che ben si presta al racconto di storie ricche di significato, come quelle attraversano le periferie del capoluogo piemontese, prodotto e realizzato da Giorgio Blanco, Gabriele Druetta e Vittorio Randone.

É possibile sostenere Sità Scoté attraverso una raccolta crowdfunding, consultabile dalla piattaforma Eppela, che mira a implementare il progetto, aumentando le occasioni per visionare il documentario, coinvolgere altri quartieri della periferia torinese e altri giovani artisti disponibili a raccontarsi e a dar voce a zone a poco ascoltate della città.

Maggiori informazioni sul sito di Sità Scoté.


\ COMING SOON

21/09/2018 - 13/01/2019 – Mostra
CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

La mostra CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co ripercorre la storia della trasformazione del documento, fotografico nello specifico, in opera d’arte, giunta al culmine negli anni ’60. (...)