Selected Works Vol.XI – James Brooks

21/06/2018 - 01/09/2018 – Personale
Opere Scelte

Selected Works Vol.XI – James Brooks

La galleria Opere Scelte ha il piacere di invitarvi, giovedì 21 giugno 2018 alle ore 18:30, in via Matteo Pescatore 11/D a Torino, all’inaugurazione della personale di James Brooks, Selected Works Vol. XI.

Brooks trasforma l’informazione in un’opera d’arte astratta, creando un linguaggio alternativo. Il processo di astrazione è il metodo attraverso cui egli trasmette i propri interessi; gli piace indagare il modo in cui la società attuale si sia evoluta dalle antiche civiltà, utilizzando innovazioni scientifiche come la geometria greca, l’alfabeto latino o il sistema decimale arabo.

Così l’artista crea serie nelle quali gli spazi – strade romane, antichi laghi greci, piazze e confini urbani – nelle loro parti costitutive diventano il punto di connessione tra il contemporaneo e il passato.

Come un cartografo, lavora entro i confini della pura geometria priva di ogni riferimento umano. Le forme sono definite con precisione e riapplicate all’interno di una base che è una struttura geometrica.

Guardando i suoi lavori da vicino è possibile vedere i calcoli, le linee e le esplorazioni geometriche; da lontano, il colpo d’occhio è un insieme rigoroso di forme reiterate e rese in colore piatto.

Galleria Opere Scelte.
Via Matteo Pescatore 11/d – 10124 Torino.
Inaugurazione: giovedì 21 giugno 2018, ore 18:30.
Orari: martedì - sabato, ore 15:30 - 20.
21/06/2018 - 01/09/2018.


\ NEWS

15/11/2018

Fabrizio De André – Remember 2.0

Fabrizio De André – Remember 2.0

All’Auditorium del MAUTO – Museo Nazionale dell’Automobile arriva una serata interamente dedicata al ricordo del cantautore Fabrizio De André, attraverso un percorso concertistico ma anche poetico, artistico e video fotografico. (...)



13/11/2018

Cauleen Smith e la violenza di genere

Cauleen Smith e la violenza di genere

L’artista interdisciplinare statunitense incontrerà il pubblico del Castello di Rivoli – Museo d’arte contemporanea per discutere dei propri lavori dedicati alla violenza di genere. (...)