Alla scoperta dei luoghi della trasformazione

08/04/2018

Alla scoperta dei luoghi della trasformazione

La città postindustriale, l’arte nei luoghi della città fordista e da San Salvario al Lingotto.

Sono i tre nuovi percorsi di visite guidate dedicate ai luoghi della trasformazione urbanistica di Torino, rivolte ai torinesi e ai turisti, che hanno preso il via lo scorso 4 aprile 2018.

Attraverso i tre itinerari la città viene raccontata in un modo nuovo, partendo dall’esperienza di Urban Center Metropolitano nel comunicare i temi più legati alle trasformazioni urbanistiche con la collaborazione di Turismo Torino e Provincia e le associazioni di categoria delle guide turistiche, Federagit Confesercenti Federazione Italiana Guide Turistiche Accompagnatori e Interpreti e G.I.A. Piemonte – Associazione Guide Interpreti Accompagnatori Turistici Piemonte.

I tour – La città postindustriale, L’arte nei luoghi della città fordista e Da San Salvario a Lingotto – della durata massima di tre ore, si possono prenotare sul sito www.urbancenter.to.it fino a 3 giorni prima della data prescelta ed entro il giorno precedente va confermata l’iscrizione con il pagamento della quota (con PayPal sul sito oppure recandosi nella sede di Urban Center Metropolitano in piazza Palazzo di Città 8f, aperta dal martedì al sabato dalle 11 alle 18).

Il costo per ogni tour guidato è di 10 euro a persona (ridotto a 8 euro per possessori Abbonamento Musei e Torino+Piemonte Card). Per i tour che prevedono lunghi spostamenti all’interno della città è necessario avere un biglietto dei mezzi pubblici.

La città postindustriale.

La grande trasformazione della Torino manifatturiera attraverso la riconversione degli stabilimenti dismessi in nuovi spazi per abitare, lavorare e produrre lungo il Passante ferroviario. L’itinerario percorre il viale della Spina centrale, toccando i più significativi interventi di recupero delle aree industriali e costeggiando aree ancora in trasformazione.

I luoghi:
Urban Center Metropolitano (partenza tour).
Cittadella Politecnica.
OGR – Officine Grandi Riparazioni.
Grattacielo Intesa Sanpaolo.
Stazione di Porta Susa.
Parco Aurelio Peccei.
MEF – Museo Ettore Fico.
Edit.

Date:
mercoledì 4 aprile 2018, ore 14:30 - 17:30.
Mercoledì 18 aprile 2018, ore 14:30 - 17.30.
Venerdì 11 maggio 2018, ore 14:30 - 17:30.
Sabato 26 maggio 2018, ore 10:30 - 13:30.
Lunedì 18 giugno 2018, ore 16:00 - 19:00.

L’arte nei luoghi della città fordista.

Un itinerario attraverso esperienze diverse di riconversione post-industriale nel segno dell’arte contemporanea. Il recupero funzionale di architetture produttive diventa funzionale alla creazione di un sistema culturale connotante per Torino, a partire dall’operazione del Castello di Rivoli.

Dai primi interventi che punteggiano le aree ex Lancia fino alla recente inaugurazione delle OGR come nuovo polo culturale multidisciplinare.

I luoghi:
Fondazione Merz (partenza tour).
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.
OGR – Officine Grandi Riparazioni.

Date:
domenica 29 aprile2018, ore 10:30 - 13:00.
Domenica 20 maggio 2018, ore 10:30 - 13:00.
Venerdì 8 giugno 2018, ore 16:00 - 18:30.
Sabato 30 giugno 2018, ore 9:30 - 12:00.

Da San Salvario a Lingotto.

A sud del centro di Torino, tra sperimentazioni architettoniche, eredità manifatturiera ed esperienza olimpica. I tanti volti della trasformazione torinese.

I luoghi:
25 Verde (partenza tour).
Scuola di Biotecnologie.
Lingotto.
Eataly.
Passerella Olimpica.
Villaggio Olimpico.
MAUTO – Museo Nazionale dell’Automobile.

Date:
domenica 8 aprile 2018, ore 10:30 - 13:00.
Domenica 22 aprile 2018, ore 10:30 - 13:00.
Lunedì 7 maggio 2018, ore 14:30 - 17:00.
Lunedì 11 giugno 2018, ore 16:00 - 18:30.


\ COMING SOON

21/09/2018 - 13/01/2019 – Mostra
CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

La mostra CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co ripercorre la storia della trasformazione del documento, fotografico nello specifico, in opera d’arte, giunta al culmine negli anni ’60. (...)