Reliquie dell’umanità

06/12/2018 - 14/01/2019 – Personale
MAU – Museo d’Arte Urbana

Reliquie dell’umanità

Il lavoro di Armando Prieto Pèrez, oggetto di una personale presso la Galleria del MAU – Museo d’Arte Urbana, si colloca all’interno delle coordinate generali dell’avanguardia novecentesca e post moderna con modalità originali che rendono la sua produzione unica.

Prieto Pèrez è nato a La Habana, Cuba, nel 1975, ed attualmente vive in Italia, a Pisa. La sua provenienza dall’isola caraibica, luogo votato alla spiritualità ed all’incrocio di culture, ha certamente influenzato la sua vocazione.

Personalità culturalmente eclettica, come scrittore ha pubblicato il romanzo "Tutte le volte che vuoi", edito con successo da Rizzoli nel 2015, l’artista è dedito all’insegnamento ed a pratiche olistiche, che indicano la volontà di perseguire un percorso di crescita personale da condividere empaticamente con il prossimo.

Oggetto di questa personale è la produzione oggettuale ed installativa, a cui l’autore affianca una ricerca pittorica in cui prevale una componente simbolica, dove si cimenta nella individuazione dei ritmi nascosti dell’universo naturale e tratteggia ritratti dalla forte valenza introspettiva, veri e propri scandagli dell’anima, senza tralasciare la realizzazione di video che si rivelano dei docufilm su tematiche di impegno sociale come la prostituzione e l’identità sessuale.

Le installazioni di Prieto Pèrez sono, come recita il titolo della personale, autentiche "Reliquie dell’umanità".

MAU – Museo d’Arte Urbana.
Via Rocciamelonte 7 c – 10143 Torino.
06/12/2018 - 14/01/2019.


\ NEWS

25/03/2019

Il programma Corti a Scuola 2019

Il programma Corti a Scuola 2019

Al via il programma Corti a Scuola 2019, un progetto ideato e curato dal Centro Nazionale del Cortometraggio con lo scopo di far avvicinare anche i più giovani al cinema. (...)




20/03/2019

Annunciato il vincitore del Premio Matteo Olivero

Annunciato il vincitore del Premio Matteo Olivero

Santiago Reyes Villaveces (Bogotà, Colombia 1986) è il vincitore della 41ª edizione del Premio Matteo Olivero, promosso dalla città di Saluzzo e organizzato dalla Fondazione Amleto Bertoni con l’intento di valorizzare il territorio attraverso l’arte. (...)