Realizza il logo per UNESCO Creative Cities Network

15/02/2018

Realizza il logo per UNESCO Creative Cities Network

La Città di Fabriano è stata nominata Città Creativa UNESCO e nel 2019 ospiterà il tredicesimo Annual Meeting del progetto.
È online il bando per la creazione del logo dell'evento.

Il Network Città Creative, promosso da UNESCO, ha come obiettivo la creazione di un legame tra città in grado di sostenere e di fare della creatività culturale un elemento essenziale per il proprio sviluppo economico con l'obiettivo di promuovere l'industria della cultura.

La rete è suddivisa in sette aree corrispondenti ad altrettanti settori culturali: Artigianato e Arti e Tradizioni popolari, Cinema, Design, Gastronomia, Letteratura, Media Arts, Musica.
Attraverso il network le città possono altresì condividere le proprie esperienze valorizzando le proprie capacità ed incrementando la presenza dei propri prodotti culturali sui mercati nazionali ed internazionali.

Il bando di cui si tratta ha come oggetto un concorso di idee per la progettazione di un logotipo a colori, eseguito con tecnica libera, relativo all'evento “Annual Meeting UNESCO Creative Cities”, che si terrà a Fabriano nel 2019.

Il logotipo sarà riportato nella comunicazione, segnaletica, produzione editoriale, sito web e ogni altro materiale e supporto riferito all'evento sopra citato.
Al logotipo si chiede di affiancare un payoff che esprima le intenzioni comunicative proposte nello stesso.

C'è tempo fino al 6 aprile 2018; regolamento e informazioni aggiuntive sono disponibili sul sito dell'evento: www.fabrianocreativa.it.


\ COMING SOON

21/09/2018 - 13/01/2019 – Mostra
CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

La mostra CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co ripercorre la storia della trasformazione del documento, fotografico nello specifico, in opera d’arte, giunta al culmine negli anni ’60. (...)