Le radici della violenza

09/07/2019 - 10/11/2019 – Personale
Castello di Rivoli – Museo d’Arte Contemporanea

Le radici della violenza

La mostra Yuri Ancarani presenta, per la prima volta al pubblico, la trilogia filmica composta da San Siro (2014), San Vittore (2018) e San Giorgio (2019, versione 0 – girato originario).

La trilogia delinea un ulteriore capitolo nell’ambito della ricerca di Yuri Ancarani dedicata ai luoghi della socializzazione, del lavoro e del controllo sociale. L’interazione tra corpi umani, architetture, tecnologie e le conseguenti relazioni emotive e comunitarie che si formano, sono alla base della pratica dell’artista.

L’opera San Vittore nasce da molteplici riflessioni dell’artista riguardanti la condizione dei bambini i cui genitori sono reclusi in carcere. L’opera filmica si sofferma su alcuni dettagli dell’articolato universo infantile che ogni giorno entra ed esce dal carcere, includendo scene che descrivono i rigidi controlli di sicurezza a cui sono sottoposti i minori che varcano la soglia di San Vittore per visitare i loro genitori. I modi in cui l’immaginazione infantile elabora il mondo carcerario sono raccontati dall’artista attraverso i disegni realizzati dai bambini. In alcuni di essi, come per una oscura magia, il carcere si trasforma in un castello, abitato da re e regine.

San Vittore estende una ricerca dedicata a luoghi iconici della città di Milano, luogo nel quale l’artista vive e lavora da venticinque anni, già iniziata con un’altra delle opere in mostra, San Siro (2014). Ambientata nell’omonimo stadio milanese, l’opera filmica ne presenta un inaspettato e potente ritratto nel quale il noto luogo del divertimento è descritto quasi fosse una grande macchina che, accudita da abili tecnici, ad ogni partita è pronta ad accogliere folle di tifosi.

Il percorso espositivo include inoltre una prima e sperimentale versione di San Giorgio (2019, versione 0 – girato originario). Il lavoro indaga l’idea di banca, istituzione che accompagna la storia della nostra civiltà fin dal Medio Evo, la cui pervasività nel sistema sociale include al tempo stesso il concetto di segretezza. L’estratto dell’opera filmica porta i visitatori all’interno di luoghi nascosti, nei quali sono custoditi ingenti tesori, soffermandosi al tempo stesso sul rigoroso protocollo di distruzione a cui sono sottoposti documenti e carte sensibili.

Castello di Rivoli – Museo d’Arte Contemporanea.
Piazza Mafalda di Savoia – 10098 Rivoli TO.
09/07/2019 - 10/11/2019.


\ NEWS


17/10/2019

Il nuovo Grand Tour Lab esplora il quartiere Campidoglio

Il nuovo Grand Tour Lab esplora il quartiere Campidoglio

Dopo l’esperienza del 2017 nel quartiere Aurora di Torino, la Città di Torino, l’Associazione Abbonamento Musei, il Torino Urban Lab, la Fondazione per l’architettura/Torino con la collaborazione della Circoscrizione 4 e l’associazione Babelica hanno dato vita a una seconda edizione di Grand Tour Lab nel quartiere Campidoglio. (...)




15/10/2019

A fine anno torna a Torino Arturo Brachetti

A fine anno torna a Torino Arturo Brachetti

Arturo Brachetti, la leggenda del trasformismo, dal 19 ottobre 2019 torna in scena per la quarta stagione consecutiva con il suo one man show: SOLO, the Legend of quick change, finora applaudito da oltre 300.000 spettatori in Europa. (...)



15/10/2019

Workshop_62/Cosmos NEW seeds_2014/19

Workshop_62/Cosmos NEW seeds_2014/19

Avvicinandosi la conclusione della mostra Resistenza/Resilienza, collettiva a cura di Gaia Bindi e Piero Gilardi, Michele Guido raccoglie i frutti del giardino realizzato in maniera partecipata con il CTCProject (Comunità Temporanea di Costruzione), gruppo di studenti e docenti dell’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. (...)





\ FOCUS ON – MUSEI E FONDAZIONI

Castello di Rivoli – Museo d’Arte Contemporanea


MAU – Museo d’Arte Urbana


Museo Nazionale del Cinema


Reggia di Venaria Reale