present_continuous: un bando per due borse d’artista

06/06/2018

present_continuous: un bando per due borse d’artista

Nell’ambito di present_continuous – vincitore del bando funder35 2016 – è stata aperta una call per due residenze di ricerca del valore di 4000 euro l’una dedicate ad artisti contemporanei, con l’obiettivo di confrontarsi su un fondo di stampe della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino.

La call, con scadenza il 13 giugno 2018, nasce dalla volontà di porre l’attenzione su archivi e collezioni inerti del nostro paese, riconoscendo ai linguaggi dell’arte contemporanea la capacità di rileggere e riattivare la narrazione, al fine di concepire nuove forme di pensiero critico non solo sul riconoscimento del valore odierno del patrimonio storico-artistico e sui ruoli dei principali enti culturali, ma anche su tematiche contemporanee.

All’artista e/o collettivo si chiede quindi di rinnovare la percezione di archivi e collezioni in deposito come spazi assopiti, contribuendo a provocare cortocircuiti, stimolare dibattiti e dare voce a urgenze sociali e culturali del nostro tempo.

Ogni artista e/o collettivo selezionato riceverà una borsa di ricerca di € 4000 con la quale potrà produrre almeno un’opera site specific che verrà presentata nella primavera del 2019 in occasione di un evento pubblico.

L’artista o collettivo presenzierà inoltre ad un percorso formativo di 5 giorni, con curatori e professionisti del settore, volto alla conoscenza del fondo di stampe. Ogni attività dei residenti sarà curata e supportata (assistenza tecnica, alla ricerca e di produzione) dal team di Arteco.

Tutte le informazioni e i moduli per l’iscrizione sono disponibili nel sito dell’Associazione Arteco.


\ COMING SOON

21/09/2018 - 13/01/2019 – Mostra
CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

La mostra CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co ripercorre la storia della trasformazione del documento, fotografico nello specifico, in opera d’arte, giunta al culmine negli anni ’60. (...)