La passione della pittura

19/05/2018 - 17/06/2018 – Mostra
Sedi varie

La passione della pittura

La Fondazione Peano di Cuneo e l’Art Gallery La Luna di Borgo San Dalmazzo proseguono la loro collaborazione culturale con la realizzazione di un duplice evento di grande rilievo e importanza: La passione della pittura. Artisti a Torino e Alba 1950 - 1970, a cura di Ettore Ghinassi e Chiara Maraghini Garrone.

Nel corso di un ventennio – nelle prime due decadi della seconda metà del Novecento – hanno avuto origine e si sono affermate, a Torino e ad Alba, due correnti fortemente contrassegnate da un fecondo impianto critico teorico (non assimilabile alla pletora enunciativa dei manifesti d’avanguardia), ma su linee divergenti.

La prima, nel capoluogo piemontese, maturata nella convinzione e nella difesa di un’assoluta autonomia dell’arte e nel rifiuto di ogni vincolo ideologico, è la posizione condivisa di Albino Galvano, filosofo, pittore, saggista, fondatore con Franco Antonicelli dell’Unione Culturale e con Filippo Scroppo della sezione torinese del M.A.C. (Movimento arte concreta).

La seconda – nel luogo di nascita del “Primo laboratorio per un Bauhaus immaginista” (Pinot Gallizio, Asger Jorn, Piero Simondo) confluito l’anno successivo, nel 1957, nell’Internazionale Situazionista – alimentata da un impegno socio politico, nel solco delle lucide analisi di Guy Debord, uno dei maggiori intellettuali francesi di metà secolo, che darà alle stampe, nel 1967, il suo libro più feroce, corrosivo e profetico: “La società dello spettacolo”.

Il contrasto sul piano teorico avrà esiti diversi anche sul piano estetico ed espressivo.

Da una parte, lo sviluppo di una pittura attentissima alla propria storia, mirata alla ricerca di una propria interna legalità, al controllo del gesto, che non rinuncia a governare le imprevedibili generazioni del caso. Conseguente, per alcuni dei protagonisti, la tendenza alla sottrazione, rarefazione dell’immagine (ad esempio in Gino Gorza, Mario Davico, Antonio Carena).

Dall’altra, una sperimentazione aperta all’inclusione di materiali eterogenei, una pittura ora quasi effimera, provvisoria, sempre in divenire, una pittura “liquida” (Piero Simondo), ora convulsiva, magmatica, che oscilla tra pulsioni distruttive e una sorta di espressionismo “innocente”, ispirato dalle rudimentali pittografie infantili (Pinot Gallizio, Asger Jorn, Karel Appel).

La mostra propone una riflessione su questi due mondi.

Art Gallery La Luna.
Via Roma 92 – 12011 Borgo San Dalmazzo CN.
Inaugurazione: sabato 19 maggio 2018, ore 16:30.
Orari: sabato, ore 10 - 13 / 16 - 19; domenica, ore 10:30 - 12:30.
19/05/2018 - 17/06/2018.

Fondazione Peano.
Corso Francia 47 – 12100 Cuneo.
Inaugurazione: sabato 19 maggio 2018, ore 18.
Orari: giovedì - domenica, ore 16 - 19.
19/05/2018 - 17/06/2018.


\ NEWS

15/11/2018

Fabrizio De André – Remember 2.0

Fabrizio De André – Remember 2.0

All’Auditorium del MAUTO – Museo Nazionale dell’Automobile arriva una serata interamente dedicata al ricordo del cantautore Fabrizio De André, attraverso un percorso concertistico ma anche poetico, artistico e video fotografico. (...)



13/11/2018

Cauleen Smith e la violenza di genere

Cauleen Smith e la violenza di genere

L’artista interdisciplinare statunitense incontrerà il pubblico del Castello di Rivoli – Museo d’arte contemporanea per discutere dei propri lavori dedicati alla violenza di genere. (...)