Open House Torino sta per tornare

23/05/2018

Open House Torino sta per tornare

A giugno 2018 avrà luogo la seconda edizione di Open House Torino.

Nel 2017, Open House Torino ha segnato il miglior esordio di sempre nella storia di Open House, con l’apertura di 111 architetture generalmente chiuse al pubblico, oltre 15 mila visitatori per un totale di oltre 36 mila visite. Numeri straordinari, che Open House Torino intende confermare nella sua seconda edizione, in programma dal 9 giugno 2018 al 10 giugno 2018.

La seconda edizione conferma alcuni degli spazi che hanno avuto maggior successo lo scorso anno a cui si aggiungono tantissime new entries, per un totale di oltre 130 edifici aperti.

Le visite sono gratuite, sono organizzate in modo diverso nei vari luoghi aperti, hanno in genere una cadenza regolare (ogni 20-30 minuti) e a volte sono condotte dagli stessi progettisti, così da soddisfare le eventuali curiosità dei visitatori.

L’associazione Open House Torino appartiene al network Open House Worldwide, l’organizzazione internazionale con sede centrale a Londra, e sedi indipendenti in Europa, America, Medio Oriente e Australia. Le aperture vengono organizzate in 36 città in tutto il mondo, tra cui, in Italia, anche Roma e Milano, che realizzeranno a maggio 2018 le loro edizioni.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito di Open House Torino.


\ COMING SOON

23/02/2019 - 09/03/2019 – Personale
Artgallery37

Mario Fior – Lisbona Perspectives

Mario Fior – Lisbona Perspectives

L’artista Mario Fior reduce da importanti eventi artistici nazionali ed internazionali, presenta, nelle sale di Artgallery37, una serie di 34 opere fotografiche fine art di vario formato, riguardanti Lisbona, la capitale del Portogallo. (...)


23/02/2019 - 10/03/2019 – Personale
Associazione culturale Quasi Quadro

Secco

Secco

Associazione culturale Quasi Quadro presenta Secco, mostra personale di Davies Zambotti, artista che attraverso i suoi lavori ricerca e analizza l’impossibilità della certezza umana, utilizzando il video e la fotografia come un microscopio, una lente con cui poter osservare le ombre fra gli interstizi del quotidiano. (...)