NEXT. Avanti il Prossimo!

04/03/2018 - 04/03/2018 – Installazione
Spazio Parentesi

NEXT. Avanti il Prossimo!

L’installazione, ideata dal poeta Davide Galipò e presentata a Spazio Parentesi domenica 4 marzo 2018, prevede una cabina elettorale in un ambiente in penombra, con due specchi a riflettere l’elettore in alto e in basso, quindi fissati al soffitto e sul pavimento.

NEXT è pensata per essere fruita da uno spettatore per volta, che accede nella cabina elettorale accompagnato da una vecchia canzone che si ripete ossessivamente.
L’elemento teatrale è molto importante: una scrutinatrice avvenente accoglie sorridente l’elettore all’ingresso, dandogli la matita con cui dovrà esprimere la sua preferenza.

L’elettore però non sa cosa lo aspetta: all’interno della cabina, adagiata su un ripiano, c’è la scheda elettorale per la preferenza, ma tutti i simboli sono uguali.

L’effetto straniante di questo elemento, che di fatto annulla il senso dell’azione che è stata richiesta all’elettore, viene accentuato dalla presenza di un inginocchiatoio, posto all’interno della cabina elettorale, sul quale bisognerà poggiarsi per esprimere il voto.

L’unico modo per esprimere una preferenza è lanciare il dado posto sul ripiano e segnare il numero corrispondente alla casella sulla scheda. Le caselle sulla scheda elettorale sono in tutto sei, come le facce del dado; se, per esempio, esce il numero 6, l’elettore dovrà barrare la casella 6.

Altro elemento importante: la luce.
L’interno della cabina elettorale è illuminato da una lampadina a tempo, che si spegnerà ogni cinque minuti, che più o meno corrispondono al tempo necessario durante il quale l’elettore potrà rendersi conto dell’inganno, essere frustrato o  divertito, decidere di stare al gioco oppure rifiutarlo.
In quel momento, la luce si spegne, la musica s’interrompe.
Al suo posto si accende una luce rossa, con su scritto «next», che fa capire all’elettore che il tempo è scaduto e che dovrà lasciare il posto a chi verrà dopo di lui.

All’uscita dalla cabina elettorale, l’elettore viene ringraziato dalla soubrette, che nel frattempo si è trasformata in un uomo travestito. La soubrette-trans attende sorridente che l’elettore riponga la sua scheda nella scatola, saluta. E tutto può ricominciare.

Spazio Parentesi.
Via Belfiore 19 – 10125 Torino.
04/03/2018 - 04/03/2018.


\ NEWS


13/11/2018

Cauleen Smith e la violenza di genere

Cauleen Smith e la violenza di genere

L’artista interdisciplinare statunitense incontrerà il pubblico del Castello di Rivoli – Museo d’arte contemporanea per discutere dei propri lavori dedicati alla violenza di genere. (...)







24/10/2018

L’importanza del fattore umano

L’importanza del fattore umano

Martedì 6 novembre 2018, presso l’Aula Magna “Giovanni Agnelli” del Politecnico di Torino, avrà luogo il terzo Workshop organizzato dall’AICQ Piemontese (Associazione Italiana Cultura Qualità), in collaborazione con Thales Alenia Space. (...)