Monique Rollins: To be a person

20/09/2018 - 15/11/2018 – Personale
Metroquadro

Monique Rollins: To be a person

Monique Rollins torna a Torino da metroquadro con i lavori della sua ultimissima serie Spirit, realizzati in seguito alla sua residenza d’artista svolta a Pechino.

«Monique in questa sua ultima serie di lavori presentata nella mostra To be a person racconta i diversi livelli che sono contenuti in una persona. O meglio, che bisogna siano presenti perché un individuo sia davvero una persona nel significato pieno del termine. Sono i livelli di cui parla il buddismo, gli stadi necessari che nella vita bisogna percorrere, dalla materialità verso l’elevazione: il primo legato alla quotidianità, il secondo alla percezione concreta di se stessi nel mondo e infine il terzo all’anima. Nessuno può essere tralasciato, perché è un cammino dove tutto si tiene, ma l’arrivo, la fine della strada, è la dimensione spirituale.

In questi lavori c’è il mondo intimo di Monique, attraverso cui il mondo esteriore è filtrato e riletto, diventando simbolico. Quello che vediamo è un paesaggio interiore. Non c’è bisogno della figurazione, perché la percezione è empatica. In questo l’artista continua il superamento dell’espressionismo americano che è la lezione storica da cui proviene e alla cui ombra si è formata a New York.

La sua espressione ora è una voce dell’anima che Monique lascia andare, dove si esaltano colori accesi ma soprattutto quegli azzurri, quei bruni, gli aranci, i rosa e il bianco caratteristici del Rinascimento Veneziano del sedicesimo secolo. Tintoretto, Tiepolo e poi Paolo Veronese, con la sua sensibilità cromatica che ha insegnato a Monique come dentro alla pittura possa esserci anche il teatro, la letteratura, le emozioni. E come sia infinita la gamma dei bruni, come nelle acque di Venezia siano sciolti tutti i possibili blu esistenti, come il bianco sia una convenzione linguistica dalle incatalogabili sfumature. Quel bianco che per Monique rappresenta lo spazio. E su cui basta una linea disegnata a grafite o pastello per far scaturire subito altri spazi. Solo la musica e il colore possono esprimere tutto, sono linguaggi emozionali senza confini, sinfonie astratte che in trasparenza possiedono l’armonia.

E questo si sente nelle opere che formano To be a person, un insieme vitale e brulicante di voci, di segni, forme e colori che hanno urgenza di essere ed esprimersi, che formano un coro, così incontenibili da uscire dal formato stesso della tela come un fiore che si schiuda. Ma non c’è caos, solo un’eufonia precisa e perfetta.» Olga Gambari.

Metroquadro.
Corso San Maurizio 73/F – 10124 Torino.
Inaugurazione: 20 settembre 2018, ore 18:30 - 22.
Orario: martedì - sabato, ore 16 - 19.
20/09/2018 - 15/11/2018.


\ NEWS