Martí Guixé – Lo sguardo ironico

17/04/2018

Martí Guixé – Lo sguardo ironico

L’idea viene prima di qualsiasi oggetto. È importante il modo in cui guardiamo alle cose, non tanto come le ridefiniamo, senza sosta, alla luce dei nuovi parametri tecnologici, sociali ed estetici, fissandoli in un – illusorio – ideale di forma / funzione. Allenando il nostro sguardo, sfidando le nostre personali convinzioni – e convenzioni – scopriamo spesso l’essenza delle cose, la ridondanza di alcune di esse, e gli spazi inesplorati di uso, di comportamento e di possibilità che ci stanno intorno.

Questo è il pensiero dietro all’opera di Martì Guixé, designer catalano, il cui lavoro sfugge certamente ad una definizione classica.

Ma la parte più stimolante che proviene dalle idee e dalla pratica di Guixè è quella costanza nel richiamare la parte attiva del fruitore/utente (un po’ meno cliente, quindi): i suoi orologi reclamano non solo attenzione, ma vogliono che sia dato un nome, e qualità, alle ore del quadrante, i suoi salvadanai / banche di semi ci fanno pensare su quale sia la “vera ricchezza”, un tappeto è del tutto bianco, ed è da colorare – evocando Pollock ed il suo dripping –, mentre i suoi oggetti ci interrogano su loro uso e funzione, spingendoci a ripensarle, o trovarne di nuove.

Concentrato sui progetti e sui processi – del pensiero, innanzitutto – Guixè scompone prassi consolidate, e indaga le meccaniche della produzione e del consumo, in forte cambiamento.

Riflette sulle pratiche della messa in scena e del rito della scelta, e di come la sua attività si possa inserire in essa e renderla più partecipata, persino più consapevole ed attiva.

L’importanza e l’attualità di queste scelte operative sono testimoniate dall’attenzione che il designer si è guadagnata da numerose imprese di rilievo, per le quali non solo propone prodotti, ma pensieri alternativi ed innovativi. Imprese che sentono la necessità di infoltire ed agitare la trama del loro racconto all’interno della grande narrazione contemporanea.

Caratterizza questo spirito la frequente scelta di materiali poveri (che quello che conta è altro …), l’attenzione per le scelte ecologiche e di recupero dell’energia, la desacralizzazione degli oggetti, le frequente voluta temporaneità del prodotto/servizio, che in questo caso non evoca il bruciare del consumo frenetico, quanto invece suggerisce l’idea che saranno le vere esigenze a cambiare per prime, rendendo obsoleto ciò che nel frattempo è vissuto il tempo necessario “a servire”.

La forza del messaggio di Guixé è nei suoi segni (a partire dalla sua scrittura/font caratteristica), come nella peculiarità, trasversalità e modernità che lo contraddistinguono. Abbiamo bisogno di mille occhi per guardare all’oggi, e Martì Guixè ci offre il suo sguardo, un po’ ironico, giocoso ed obliquo. D’infilata, si vede di più e meglio.

L’inaugurazione di Transnatural shop, lo spazio di vendita di libri, edizioni ed oggetti presso OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino, è stata l’occasione per incontrare il suo progettista, Martí Guixé.

A cura di Marco Aruga.
Giornalista radiofonico e web, si occupa di musica, arte, architettura, design, media e cura le trasmissioni “Artscapes” e “Soundscapes” – Paesaggi Sonori per Radio Flash Torino e Radio Popolare Milano.
Artscapes: Radio Flash Torino, Radio Popolare Milano, Podcast, Facebook.
Soundscapes: Radio Flash Torino, Radio Popolare Milano, Podcast, Facebook.


\ NEWS



20/03/2019

Annunciato il vincitore del Premio Matteo Olivero

Annunciato il vincitore del Premio Matteo Olivero

Santiago Reyes Villaveces (Bogotà, Colombia 1986) è il vincitore della 41ª edizione del Premio Matteo Olivero, promosso dalla città di Saluzzo e organizzato dalla Fondazione Amleto Bertoni con l’intento di valorizzare il territorio attraverso l’arte. (...)






14/03/2019

La settima arte contro i cambiamenti climatici

La settima arte contro i cambiamenti climatici

In sostegno alla mobilitazione torinese per lo sciopero mondiale per il clima di venerdì 15 marzo 2019, il Cinema Centrale propone, su iniziativa del festival Cinemambiente, una proiezione speciale e gratuita del film The Age of Stupid, di Franny Armstrong, con Pete Postlethwaite (2009). (...)