Letdown – Sanya Kantarovsky

03/11/2017 - 18/02/2018 – Personale
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

Letdown – Sanya Kantarovsky

Letdown è la mostra personale di Sanya Kantarovsky.

Occupando lo spazio austero e minimalista della Fondazione Sandretto, progettato da Claudio Silvestrin, la mostra si articola davanti all'immagine dipinta di una Khrushchyovka semidemolita: il murale mette involontariamente a confronto una forma alta di architettura contemporanea con l'economia e la violenza delle case popolari sovietiche.

I dipinti di Kantarovsky sono appesi in cima all'edificio, e le loro cornici rettilinee ne riecheggiano la facciata a lastroni.

I dipinti sono essi stessi cornice geometrica della brutalità: pieni di esperienze dolorose, trasudano esitazione e fragilità, e ci presentano corpi che si contorcono in atti di sottomissione.

Ciascuna opera crea la propria arena prefabbricata, in cui si svolgono azioni come spingere, tirare, abradere, lavare e cancellare.

Un'opera in contraddizione con se stessa, come molte dell'artista, Letdown (2017) fa riferimento a emozioni opposte: in inglese letdown significa sia delusione che produzione di latte materno.
Questa paradossale simultaneità di costernazione e soddisfazione si cristallizza come tema centrale della mostra.

Opening:
3 novembre 2017, ore 19.


\ NEWS


20/09/2018

Il ciclo di eventi La ME_Turin

Il ciclo di eventi La ME_Turin

L’Associazione Culturale Camera d’Arte in collaborazione con Math12_spaziotrasversale e l’Associazione Nazionale Domiad Photo Network / Canon Club Italia, promuoverà una serie di eventi che avranno come tema Torino e le relazioni interpersonali con la città, la sua storia e la sua cultura. (...)







12/09/2018

Porte aperte ad aspiranti ginnasti e circensi

Porte aperte ad aspiranti ginnasti e circensi

Il 15 settembre 2018 la Reale Società Ginnastica di Torino e la sua FLIC – Scuola di Circo, organizzano l’open day “Porte aperte al divertimento”, giornata dedicata a chiunque voglia sperimentare discipline sportive e circensi. (...)