Lame, dipinti e stampe giapponesi al MAO

04/10/2018

Lame, dipinti e stampe giapponesi al MAO

In occasione della Japan Week Torino, il MAO – Museo d’Arte Orientale mette in mostra, dal 19 ottobre 2018, una selezione rimasta nei depositi.

I visitatori potranno godere di una nuova selezione di lame giapponesi grazie alla collaborazione con INTK (Itaria Nihon Token Kyokai), l’Associazione Italiana per la Spada Giapponese. Si potranno ammirare, mai esposte prima, 5 token (spade giapponesi forgiate con metodo tradizionale), katana, wakizashi e tanto con le rispettive montature. Le lame presenti nella vetrina sono di notevole qualità e pregio; la loro creazione si individua tra l’inizio del XVI secolo e la metà del XIX. Tra queste va citata la lama forgiata da Muramasa e considerata “maledetta”.

La necessità di mettere a riposo periodicamente le opere più delicate offre l’occasione di rendere visibile al pubblico, a rotazione, tutta la collezione giapponese del Museo. A partire da martedì 23 ottobre 2018 si potranno nuovamente ammirare alcune opere rimaste a riposo oltre quattro anni, tra queste otto kakemono. I kakemono, letteralmente “cose da appendere”, sono i tradizionali rotoli verticali che incorniciano eleganti dipinti e calligrafie su carta o su seta.

Inoltre, passando attraverso il corridoio dedicato alle stampe ukiyo-e il visitatore sarà accompagnato nell’arte del periodo Edo (1603-1868) attraverso la presentazione di xilografie policrome, biglietti augurali surimono e volumi a stampa. Tra le opere esposte il pubblico potrà trovare autori di grande fama, in Giappone come in Occidente, da Kunisada a Hiroshige II a Hokusai.


\ COMING SOON


01/03/2019 - 14/04/2019 – Personale
OGR – Officine Grandi Riparazioni

Ari Benjamin Meyers – In Concert

Ari Benjamin Meyers – In Concert

Dal 1° marzo al 14 aprile 2019, OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino, in collaborazione con Kasseler Kunstverein, presenta In Concert, la prima mostra personale dell’artista Ari Benjamin Meyers in un’istituzione italiana, a cura di Valentina Lacinio e Judith Waldmann. (...)