Inaugurato il MAUA, museo di arte urbana aumentata

09/04/2019

Inaugurato il MAUA, museo di arte urbana aumentata

CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia annuncia l’apertura a Torino di un nuovo museo, diffuso, a cielo aperto.

Si chiama MAUA ed è il museo di arte urbana aumentata, nato dall’idea di proporre itinerari culturali inediti, fuori dal centro e dai più tradizionali circuiti dell’arte. Così, 46 opere di street art animate in realtà aumentata diventano l’occasione per esplorare zone meno conosciute della città.

La prima edizione di MAUA è stata realizzata a Milano nel 2017; ora l’avventura è arrivata anche a Torino, grazie a “Torino Città Aumentata”, che è fra i progetti vincitori del Bando Contributi del Progetto AxTO – Progetti innovativi in ambito sociale e culturale, promosso dal Comune di Torino nell’ambito del Programma per la riqualificazione e la sicurezza delle periferie.

CAMERA, in qualità di partner del progetto, ha dato supporto nella mappatura delle opere di street art e nella realizzazione di due workshop fotografici di realtà aumentata con il coinvolgimento più di 200 persone fra studenti, creativi digitali e street artist.

MAUA è stato inaugurato sabato 6 aprile 2019 e domenica 7 aprile 2019 al Parco Aurelio Peccei di Piazza Ghirlandaio. In concomitanza con l’inaugurazione è stato inoltre pubblicato e distribuito il catalogo di MAUA Torino, edito da Terre di mezzo: un prodotto editoriale che raccoglie tutte le opere del museo e tramite il quale è possibile fruirne anche in realtà aumentata, grazie all’app Bepart scaricabile gratuitamente.


\ COMING SOON

13/09/2019 - 16/02/2020 – Mostra
Palazzo Mazzetti

Monet e gli impressionisti in Normandia

Monet e gli impressionisti in Normandia

Dal 13 settembre 2019 arriva per la prima volta ad Asti, a Palazzo Mazzetti, un eccezionale corpus di 75 opere che racconta il movimento impressionista in Normandia. (...)



\ FOCUS ON – MUSEI E FONDAZIONI

GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea



CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia


Fondazione Merz