Impetus: la danza incontra il violoncello

06/04/2018

Impetus: la danza incontra il violoncello

Sabato 7 aprile 2018, va in scena una delle serate più particolari della Stagione di Danza del Balletto Teatro di Torino, nata dalla fortunata collaborazione con Rivolimusica.

La serata, presentata in decentramento alla Maison Musique di Rivoli, ha come protagonista il violoncello di Sebastian Plano.

Dotato di straordinario talento, il polistrumentista argentino/berlinese è autore di brani che uniscono i suoni legati alle sue origini classiche ad una contaminazione elettronica ricercata e mai casuale, che risulta tanto naturale da rendere l’album Impetus un ponte tra pubblici molto diversi.

Plano, insieme a Ólafur Arnalds, Sigur Rós, Arvo Pärt, Nils Frahm altri grandi interpreti del genere, è portavoce di un nuovo corso della musica contemporanea, collocandosi internazionalmente tra gli artisti più interessanti e ricercati del genere.

Il suo sound, curato e disciplinato, travolgente e sensuale di influenze classiche, tango, folk, elettroniche, è linea guida su cui i danzatori si muovono in questa prima sperimentazione.

La presenza di Manfredi Perego, danzatore tra i danzatori del BTT, sottolinea il fatto che si tratta di una collaborazione che amplia le già articolate esperienze in essere, tra la compagnia e Perego, nel campo dell’improvvisazione.

Il BTT e Manfredi Perego sono chiamati qui, sulla musica di Plano, ad affinare un tipo di performance, lavorando per creare un approccio autoriale della Compagnia verso questo genere di rappresentazione.

Maggiori informazioni sul sito www.ballettoteatroditorino.it.


\ COMING SOON

21/09/2018 - 13/01/2019 – Mostra
CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

La mostra CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co ripercorre la storia della trasformazione del documento, fotografico nello specifico, in opera d’arte, giunta al culmine negli anni ’60. (...)