Enrico Rava – Una lunga, luminosa strada

07/02/2018

Enrico Rava – Una lunga, luminosa strada

Come si fa ad attraversare così numerose stagioni del Jazz, e conservare quello sguardo disincantato ed aperto, che lo rende una delle voci irrinunciabili, una testimonianza attiva del messaggio di apertura e libertà che questo linguaggio ha sempre portato con sé?

Può essere incoscienza e coraggio, o passione da vendere, o semplicemente conservare in sé l'anima di un giovane – aperto e senza preconcetti – e giostrarla con la consapevolezza maturata negli incontri di una lunga carriera, che non si cristallizza mai, ma rifiorisce di stagione in stagione.
È così che vediamo il percorso di Enrico Rava, figura imprescindibile del Jazz italiano, con ogni probabilità il primo nome citato all'estero quando si forma il binomio Italia e Jazz.

Una vita da giramondo, al di là dei concerti che hanno segnato realmente il mondo intero, le iniziali scelte di vita e di residenza intorno a due poli di fascinazione e attrazione, Buenos Aires e New York.
E gli incontri: con Gato Barbieri innanzitutto, con Don Cherry e Steve Lacy, … .
New York sarà quella della stagione del free, e di collaborazioni chiave quali quelle con Cecil Taylor, Charlie Haden, Roswell Rudd, … e – dopo un breve ritorno in Italia – gli anni ‘70 dell'inizio del percorso da band leader, di fortunate e numerosissime collaborazioni e dell'esplosione di una sensazionale carriera.

È il Gualtiero Marchesi del Jazz (o il cuoco milanese l'Enrico Rava dei fornelli, decidete voi) - scriviamo rischiosamente, date le differenze tra i due personaggi - per la sua attitudine a far conoscere - e sapersi confrontare - con alcuni dei migliori giovani musicisti delle successive generazioni italiane (tra tutti – attingiamo ad una sua citata selezione – i talenti cristallini di Gianluca Petrella, Stefano Bollani e Massimo Urbani).

Ma lo si scopre sempre appassionato del suo prossimo progetto, ora proteso anche verso la scelta dinamica dell'elettronica, come necessario ed aggiornato strumento di espansione delle sue possibilità di comunicazione.

Che trovano da qualche tempo ulteriori altre strade, ed alla musica si affianca ora la scrittura. Un altro modo di raccontare e riraccontare una lunga storia, piena di musica e “musicisti straordinari” che a lui si sono affiancati.

Grande lettore, si potrebbe dire onnivoro, ma semplicemente grande: la frequentazione di scrittori di ogni latitudine, come di musicisti certo, ci induce a credere che avremo modo di leggere molte altre “versioni di Rava”, su carta da musica e su carta bianca.

Rava ha preservato quello sguardo pulito, quello scanzonato e fresco modo di guardare alla cose, che gli permette di guardare avanti con sicurezza, con gli amici di sempre, ed i nuovi che si uniscono al cammino.

A cura di Marco Aruga.
Giornalista radiofonico e web, si occupa di musica, arte, architettura, design, media e cura le trasmissioni “Artscapes” e “Soundscapes” – Paesaggi Sonori per Radio Flash Torino e Radio Popolare Milano.
Artscapes: Radio Flash Torino, Radio Popolare Milano, Podcast, Facebook.
Soundscapes: Radio Flash Torino, Radio Popolare Milano, Podcast, Facebook.


\ NEWS


13/11/2018

Cauleen Smith e la violenza di genere

Cauleen Smith e la violenza di genere

L’artista interdisciplinare statunitense incontrerà il pubblico del Castello di Rivoli – Museo d’arte contemporanea per discutere dei propri lavori dedicati alla violenza di genere. (...)







24/10/2018

L’importanza del fattore umano

L’importanza del fattore umano

Martedì 6 novembre 2018, presso l’Aula Magna “Giovanni Agnelli” del Politecnico di Torino, avrà luogo il terzo Workshop organizzato dall’AICQ Piemontese (Associazione Italiana Cultura Qualità), in collaborazione con Thales Alenia Space. (...)