Der Zauberberg

03/11/2018 - 12/01/2019 – Personale
Quartz Studio

Der Zauberberg

Quartz Studio ha il piacere di presentare Der Zauberberg, la prima mostra personale a Torino dell’artista sudamericano Jorge Macchi (Buenos Aires, Argentina, 1963).

Il titolo è tratto dal romanzo di Thomas Mann, letto anni fa dall’artista sul quale ha lasciato un ricordo intenso. Dopo averlo letto – dichiara l’artista – ho appreso che la Montagna Magica è un’immagine tradizionale nella letteratura tedesca, un luogo dove le persone spariscono, un posto dal quale non si torna indietro. In effetti Castorp, il protagonista del romanzo, va a far visita ad un parente in un sanatorio tra le montagne per tre settimane e alla fine vi rimane per sette anni. Der Zauberberg è un’installazione site specific appositamente concepita da Jorge Macchi per Quartz Studio.

A partire dal disegno del pavimento – spiega l’artista – ho individuato 14 zone con la stessa quantità di mattonelle grigie, rosse e ocra. In 8 di queste zone, e sul medesimo punto di ognuna, ho realizzato strutture identiche fatte con oggetti e rifiuti che sembrano raccolti casualmente. Gli oggetti sono gli stessi in tutti e 8 i gruppi e sono installati nel medesimo modo, a ripetere la distribuzione casuale.

Il pavimento, con il suo motivo ad esagoni, fa parte della ripetizione: il rapporto fra gli oggetti e il disegno è sempre lo stesso nelle 8 zone, anche se sul pavimento non sono tracciati confini precisi. È la presenza dei gruppi di oggetti identici a trasformare la continuità del pavimento in una serie di unità riflesse.

Le pareti bianche e il contorno nero del pavimento fungono da limite di una sezione di una ripetizione potenzialmente infinita. Sulla parete più vicina all’ingresso sono appese due pagine di giornale identiche. I testi e le foto sono completamente eliminati con l’eccezione della parola geschichte (storia in tedesco). A questo progetto – continua Macchi – sono legate due opere del 1998 intitolate Vite parallele e realizzate in due versioni. In una versione, due lastre di vetro rotte nello stesso modo sono disposte accanto sul pavimento. La seconda versione è una scatola di fiammiferi a due scomparti uguali. La distribuzione dei fiammiferi è identica in ciascuno scomparto. In entrambe le versioni di Vite parallele il pubblico osserva un evento estremamente improbabile, ossia la ripetizione del caso.

Quartz Studio.
Via Giulia di Barolo 18/D – 10124 Torino.
03/11/2018 - 12/01/2019.


\ NEWS


21/06/2019

Cinquantatrechilometridifilo

Cinquantatrechilometridifilo

L’ Associazione Culturale Azimut, presso Conserveria – Pastis in piazza Emanuele Filiberto 11 a Torino presenterà Cinquantatrechilometridifilo, il 26 giugno 2019 dalle 18 alle 24. (...)


19/06/2019

Al Cinema Massimo la consegna dei diplomi in Cinema d’Animazione

Al Cinema Massimo la consegna dei diplomi in Cinema d’Animazione

Venerdì 21 giugno 2019 nella sala Cabiria del Cinema Massimo di Torino il presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia Felice Laudadio e il preside della Scuola Nazionale di Cinema Adriano De Santis, insieme con il direttore della sede piemontese del CSC Bartolomeo Corsini e la coordinatrice didattica Chiara Magri, conferiranno i diplomi in Cinema d’Animazione agli allievi del triennio 2016-2018. (...)





13/06/2019

Due concerti di Steve Reich nel parco di San Secondo Pinerolo

Due concerti di Steve Reich nel parco di San Secondo Pinerolo

Il 21 giugno 2019, alle ore 21:30, e il 23 giugno 2019, alle ore 4:30 (aspettando l’alba), la Fondazione Cosso e il progetto artistico Avant dernière pensée presenteranno il Concerto d’Estate nel Parco del Castello di Miradolo a San Secondo di Pinerolo (Torino). (...)


11/06/2019

La Granda scoperta

La Granda scoperta

Sei itinerari alla scoperta della provincia di Cuneo e delle Valli Occitane promossi da Abbonamento Musei e Fondazione Artea. (...)



\ FOCUS ON

GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea



OGR – Officine Grandi Riparazioni


Fondazione Sandretto Re Rebaudengo


MEF – Museo Ettore Fico


PAV – Parco arte vivente


MAO – Museo d’Arte Orientale


Palazzo Madama