David Ruff – Seeming Confines

07/03/2019 - 18/04/2019 – Personale
Spazio don Chisciotte

David Ruff – Seeming Confines

Curata da Valentina Roselli e David Ruff Archive (presieduto dalla moglie Susan Finnel), l’esposizione intende portare all’attenzione del pubblico le opere degli anni Settanta di Ruff.

Per approfondire quale fu l’impatto che il trasferimento dagli Stati Uniti all’Europa ebbe sul suo lavoro. Una mostra che vuole indagare sul nuovo impulso creativo che l’incontro con il Vecchio Continente stimolò nell’artista. Nel 1969, infatti, Ruff e la moglie con la figlia piccola, lasciano New York per trasferirsi prima ad Amsterdam, poi, nel 1971 in Piemonte, stabilendosi in Europa, da dove le loro famiglie erano migrate all’inizio del Novecento per approdare negli Stati Uniti. Ruff sbarca in Europa cercando una nuova sensibilità espressiva, mettendosi alla prova nell’incontro con la cultura e la tradizione europea.

Il titolo della mostra Seeming Confines coincide con il titolo di un dipinto di Ruff ispirato all’opera Endymion (IV, 513) di John Keats, autore molto amato dall’artista e che nutre spesso la sua ricerca. È un titolo che richiama direttamente la passione per la letteratura e il carattere poetico e musicale che permea tutti i lavori di Ruff. Allo stesso tempo, il riferimento a confini apparenti intende sottolineare quanto sia difficile definire Ruff secondo uno stile preciso o una corrente artistica: la sua opera è un viaggio dai confini non demarcati, senza l’urgenza di una definizione. È stato spesso associato all’espressionismo astratto statunitense, relazione pittorica che Ruff arricchisce, ma dalla quale si distacca consapevolmente. Ha saputo riflettere sulla tradizione artistica americana e su quella europea, influenzato anche da maestri italiani quali Botticelli, Tiziano, Veronese, Tintoretto e Giorgione, raggiungendo uno stile unico, dai caratteri avanguardistici per il suo saper guardare sempre oltre le sensibilità del suo tempo. In lui molto spiccato è il tratto coloristico, tra luce e vibranti atmosfere, tra tinte tenui e forti, che conferisce nuance e sfumature alla realtà, ai sogni, alle sensazioni, alle emozioni.

Spazio don Chisciotte.
Via della Rocca 37/B – 10123 Torino.
Inaugurazione: giovedì 7 marzo 2019, ore 18.
Orari: martedì - sabato, ore 10:30 - 12:30 e ore 15 - 19.
07/03/2019 - 18/04/2019.


\ NEWS



21/05/2019

Funghi: fabbriche al servizio dell’umanità

Funghi: fabbriche al servizio dell’umanità

In occasione del terzo incontro del ciclo di conferenze “Così piccoli, Così straordinari”, il Public Program delle OGR – Officine Grandi Riparazioni ospita le professoresse Mariangela Girlanda e Giovanna Cristina Varese, docenti di Botanica Sistematica presso l’Università di Torino. (...)




16/05/2019

Les Doigts En Fleur

Les Doigts En Fleur

“Les Doigts En Fleur”, primo solo show dell’artista Marina Cavadini, curata da Giovanna Repetto, è la prima mostra proposta da HotHouse e si sviluppa negli spazi dell’Orto Botanico di Torino. (...)