Il coraggio di Innovare tra Artigianato e Digitale

20/03/2018

Il coraggio di Innovare tra Artigianato e Digitale

L’Associazione Culturale WE DO FABLAB, in collaborazione con il Movimento Donne Impresa di Confartigianto Imprese Piemonte Orientale, bandisce la 1a edizione del “Il coraggio di Innovare tra Artigianato e Digitale”.

Lo scopo è quello di premiare idee di prodotto innovative e competitive che coniughino saperi e competenze in ambito artigianale e digitale, far incontrare nuovi talenti, offrendo loro la possibilità di un approccio professionale con i bisogni del mercato, e incentivare l’avvio di attività di imprenditoria femminile.

Destinatari dell’iniziativa sono singole persone residenti in Italia senza distinzione di età e di genere. Il concorso è a numero chiuso ed è prevista la selezione di massimo 10 progetti conformi che verranno selezionati rispettando l’ordine cronologico di presentazione.

Verrà comunque data priorità nella misura del 50% sul numero massimo di progetti selezionabili a progetti presentati da cittadine donne.

I 2 vincitori fabbricheranno gratuitamente il prodotto, sotto forma di prototipo o pre-serie, all’interno del laboratorio WE DO FABLAB, servendosi delle attrezzature disponibili in sede e dell’assistenza di un Team di esperti designato dall’Associazione WE DO FABLAB.

È istituito un premio in denaro fino ad un massimo di € 100 per ognuno dei vincitori, da utilizzare per l’acquisto di materiali o attrezzature attinenti al progetto.

È possibile visionare il bando al seguente indirizzo: www.wedofablab.it.
Il termine ultimo per presentare i progetti è fissato al 2 maggio 2018.


\ COMING SOON

21/09/2018 - 13/01/2019 – Mostra
CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

La mostra CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co ripercorre la storia della trasformazione del documento, fotografico nello specifico, in opera d’arte, giunta al culmine negli anni ’60. (...)