Il collettivo Slavs & Tatars alle OGR

16/05/2018

Il collettivo Slavs & Tatars alle OGR

Il 22 maggio 2018, alle ore 18, presso le OGR – Officine Grandi Riparazioni, avrà luogo il quarto appuntamento del ciclo d’incontri OGR YOU, dedicato ai giovani adulti.

Ospiti della serata: il collettivo Slavs & Tatars, di base a Berlino.

Il titolo della loro conferenza performativa, Transliterative Tease, è un gioco di parole ironico e quasi intraducibile, in cui suoni e significati s’intrecciano.

Gli artisti introducono i temi così: “Attraverso la lente dello slittamento fonetico, semantico e teologico, Transliterative Tease esplora il potenziale della traslitterazione – la trascrizione di una parola o di un testo lettera per lettera, secondo un diverso sistema alfabetico – in quanto strategia di resistenza e di ricerca riguardo a temi quali politiche identitarie, colonialismo, fede. Lenin sosteneva che la rivoluzione orientale avesse avuto inizio con la latinizzazione degli alfabeti musulmani presenti in Unione Sovietica.

Questa lecture performance si basa sui linguaggi turcofoni degli ex-stati sovietici, così come sulle frontiere a est e ovest di tale gruppo linguistico, cioè l’Anatolia e lo Xinjiang in Cina.

La marcia degli alfabeti ha sempre accompagnato quella degli imperi – l’arabo ha fiancheggiato l’ascesa dell’Islam, il latino l’espansione del Cattolicesimo, il cirillico l’affermazione della Chiesa ortodossa e, in seguito, del comunismo. La lecture non cerca affatto di emancipare popoli o nazioni, ma i suoni emessi dalle nostre lingue”.

L’incontro, gratuito, sarà in lingua inglese, con traduzione simultanea in italiano.

Per maggiori dettagli e prenotazioni, consultare il sito.


\ COMING SOON

21/09/2018 - 13/01/2019 – Mostra
CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

La mostra CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co ripercorre la storia della trasformazione del documento, fotografico nello specifico, in opera d’arte, giunta al culmine negli anni ’60. (...)