Antonio Faraò – Poliedrico ed energico

07/03/2018

Antonio Faraò – Poliedrico ed energico

Generi e stili si attraggono reciprocamente, sino a formarne di nuovi, e così via per giri spesso lunghissimi. Si cerca di catturare momenti di questo flusso dando loro un nome, in realtà sono istantanee di un mondo musicale fluido, pronte a sfuocarsi rapidamente.

Come accade per “il mondo di fuori”, anch’esso in perenne movimento, dove spesso ancorarsi a certezze, ortodossie o semplici mode può essere improduttivo o semplicemente inutile.

Allora è meglio lasciarsi andare – alle proprie curiosità, al proprio istinto, al proprio orecchio – e, forti delle esperienze che si è vissuto, provare a sganciarsi da convenzioni acquisite o che ci si è costruiti, verso nuove possibilità.

È questa una delle intenzioni di Antonio Faraò. Il pianista romano si è di fatto costituito una solida reputazione internazionale, con numerosi riconoscimenti ed importanti collaborazioni, tra le quali citiamo quelle con

  • John Abercrombie,
  • Gary Bartz,
  • Bob Berg,
  • Ira Coleman,
  • Jack DeJohnette,
  • Chico Freeman,
  • Richard Galliano,
  • Benny Golson,
  • Steve Grossman,
  • Daniel Humair,
  • Lee Konitz,
  • Bireli Lagrene,
  • Joe Lovano,
  • Marcus Miller,
  • Chris Potter,
  • Miroslav Vitous.

Artisticamente irrequieto, felicemente predisposto a rimettersi in gioco, Faraò ha varato il progetto “Eklektic”, racchiudendo in esso passioni, i vari fondamenti della sua formazione e la voglia di legare a sé elementi eterodossi, ma funzionali alla sua visione di insieme, concretizzando una intenzione latente, destinata ad avere seguito ed affiancarsi allo spirito delle precedenti produzioni musicali.

Così persino il rap – presente Snopp Dogg –, l’esplosività di Manu Katche, la solidità funk di Marcus Miller, il tocco versatile del violino di Didier Lockwood, la chitarra manouche di Bireli Lagrene contribuiscono tutti a segnare gli attuali confini di questo progetto, che si assumono in ulteriore sviluppo.

Nel solco tracciato da Herbie Hancock, jazzista eclettico per eccellenza, uno dei pianisti più amati, di cui è amico e con cui ha condiviso il palco, Faraò propone la sua fusione, ad alta temperatura, vitale e brillante.

Antonio Faraò, nel suo trio che lo vedeva a fianco di Gary Husband alla batteria e Martin Gjakonovski al contrabbasso, è stato ospite di “Narrazioni Jazz” – 2017. In questa occasione lo abbiamo intervistato.

A cura di Marco Aruga.
Giornalista radiofonico e web, si occupa di musica, arte, architettura, design, media e cura le trasmissioni “Artscapes” e “Soundscapes” – Paesaggi Sonori per Radio Flash Torino e Radio Popolare Milano.
Artscapes: Radio Flash Torino, Radio Popolare Milano, Podcast, Facebook.
Soundscapes: Radio Flash Torino, Radio Popolare Milano, Podcast, Facebook.


\ NEWS

19/10/2018

MAU for All

MAU for All

Sabato 20 ottobre 2018 dalle 14:30 alle 17:30, nel Borgo Campidoglio a Torino, si svolgerà l’iniziativa MAU For All, con visita guidata e dibattito. (...)




15/10/2018

A Torino è tempo di Japan Week

A Torino è tempo di Japan Week

Al via la quarantatreesima edizione della Torino Japan Week, rassegna internazionale che offre la possibilità di far conoscere e apprezzare la cultura e l’arte giapponese in Europa e nel mondo. (...)


13/10/2018

Torino. Verso una città accessibile

Torino. Verso una città accessibile

Dal 12 ottobre 2018 al 21 ottobre 2018 Torino ospita in diverse sedi della città la seconda edizione di Torino Design of the City, con oltre 60 appuntamenti dedicati al tema dell’accessibilità riferita a strutture, servizi e attività culturali. (...)