Andra Ursuta. Vanilla Isis

02/11/2018 - 30/03/2019 – Personale
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

Andra Ursuta. Vanilla Isis

Vanilla Isis è il titolo della mostra personale di Andra Ursuta, un nuovo progetto dell’artista creato per la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, a cura di Irene Calderoni.

Andra Ursuta è conosciuta e apprezzata dalla critica per un lavoro che affronta temi controversi e scomodi con un linguaggio irriverente, che impiega i registri del grottesco, del tragicomico, del satirico.

Le sue opere spesso prendono spunto dalla realtà, da fatti di cronaca o da memorie personali, per riflettere su stereotipi culturali, relazioni interpersonali e dinamiche violente, sia da un punto di vista fisico che simbolico.

L’universo creato di Andra Ursuta è cupo, aggressivo, ma emerge con forza una dimensione umoristica, surreale, che nasce dalla combinazione di argomenti e registri tra loro distanti e apparentemente incompatibili. Alto e basso, aulico e abbietto, ideale e corporeo collassano in forme e oggetti dall’identità improbabile e fluida.

Vanilla Isis presenta una nuova serie di lavori che riflettono sull’estetica dell’estremismo e sulle sue declinazioni in contesti diversi come la propaganda terroristica e le sottoculture giovanili.

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.
Via Modane 16 – 10141 Torino.
Orari: giovedì, ore 20 - 23; venerdì - domenica, ore 13 - 20.
02/11/2018 - 30/03/2019.


\ NEWS

21/05/2019

Funghi: fabbriche al servizio dell’umanità

Funghi: fabbriche al servizio dell’umanità

In occasione del terzo incontro del ciclo di conferenze “Così piccoli, Così straordinari”, il Public Program delle OGR – Officine Grandi Riparazioni ospita le professoresse Mariangela Girlanda e Giovanna Cristina Varese, docenti di Botanica Sistematica presso l’Università di Torino. (...)




16/05/2019

Les Doigts En Fleur

Les Doigts En Fleur

“Les Doigts En Fleur”, primo solo show dell’artista Marina Cavadini, curata da Giovanna Repetto, è la prima mostra proposta da HotHouse e si sviluppa negli spazi dell’Orto Botanico di Torino. (...)