Al MAO arriva Chinamen

16/02/2018

Al MAO arriva Chinamen

Il MAO – Museo d’Arte Orientale dedica una serata al tema dell’integrazione italo-cinese attraverso una proiezione e la presentazione di una graphic novel.

Sabato 17 febbraio 2018 alle ore 18, in collaborazione con BeccoGiallo e in occasione della settimana di festeggiamenti per il capodanno cinese, verrà presentato al MAO – Museo d’Arte Orientale Chinamen, la graphic novel divenuta già documentario animato di Ciaj Rocchi e Matteo Demonte.

Chinamen è un saggio a fumetti che ripercorre 100 anni di storie di immigrazione e integrazione cinese in Italia: dai primi commercianti arrivati per l’esposizione universale di Milano nel 1906, alle relazioni diplomatiche tra l’Italia e la Cina che favorirono, tra gli anni ’20 e ’30 del secolo scorso, un primo vero piccolo flusso migratorio verso il nostro Paese; dalla nascita della comunità cinese di Milano e Bologna alle difficoltà incontrate dai cinesi internati nei campi di concentramento in Abruzzo e Calabria durante il Fascismo, fino alle vicende straordinarie dei grandi imprenditori degli anni ’60 e ’70.

L’omonimo documento audiovisivo è stato realizzato dagli autori Ciaj Rocchi e Matteo Demonte, in co-produzione con Comune di Milano e Mudec – Museo delle Culture, ed è altresì testimonianza di questa integrazione.

Maggiori informazioni sul sito www.maotorino.it.


\ COMING SOON

23/02/2019 - 09/03/2019 – Personale
Artgallery37

Mario Fior – Lisbona Perspectives

Mario Fior – Lisbona Perspectives

L’artista Mario Fior reduce da importanti eventi artistici nazionali ed internazionali, presenta, nelle sale di Artgallery37, una serie di 34 opere fotografiche fine art di vario formato, riguardanti Lisbona, la capitale del Portogallo. (...)


23/02/2019 - 10/03/2019 – Personale
Associazione culturale Quasi Quadro

Secco

Secco

Associazione culturale Quasi Quadro presenta Secco, mostra personale di Davies Zambotti, artista che attraverso i suoi lavori ricerca e analizza l’impossibilità della certezza umana, utilizzando il video e la fotografia come un microscopio, una lente con cui poter osservare le ombre fra gli interstizi del quotidiano. (...)